Il nostro R.E.F.A. 2018

Il nostro R.E.F.A. (Rendiconto Economico Finanziario Annuale) 2018 della Pubblica Assistenza Porto Azzurro è pronto per la discussione ai Soci e Volontari e per l’approvazione in occasione della Assemblea dei Soci 2019 che si svolgerà ad Aprile prossimo.

E’ stato un anno di “tanto volontariato” che ha coinvolto per 16 ore, giorno e notte circa 30 Volontari Soccorritori e due super dipendenti. Numerosi gli interventi a Porto Azzurro e anche negli altri Comuni vicini, a conferma che il nostro impegno è disponibile, preparato e organizzato. Abbiamo vissuto con tanta “fatica” la nascita dei PET BLSD territoriali (Punti di Emergenza BLSD) che dal 1 Giugno 2019 entreranno in attività in tutta l’Elba a garanzia di un servizio di emergenza sempre più veloce e coordinato.

Certamente dobbiamo fare i conti, “con i piedi per terra” eliminando spese superflue e dare precedenza alle attività più importanti. Abbiamo lasciato il Servizio Antincendio boschivo che non ci garantiva entrate sufficenti, neanche per coprire le spese. Manteniamo il servizio di Protezione Civile in generale pur riconoscendo che anche questo settore non arrivano aiuti concreti e quindi facciamo il possibile e il necessario.

Ci siamo però consolidati nel Servizio di trasporto con Ambulanza sia in emergenza 118 che nei servizi ordinari all’Elba e per fuori Isola d’Elba.

Le ore da garantire sono tante e non sempre i pochi volontari riescono a coprirle: ecco perchè c’è stato bisogno di assumere due persone, un autista e un Soccorritore a garanzia dei servizi sia di emergenza, che programmati.

Grazie a questo impegno  e ai buoni risultati è stato possibile nel 2018 ad impegnarsi per l’acquisto della nuova ambulanza medica 118 che è entrata in attività nel Dicembre scorso dopo aver superato la Commissione USL per l’emergenza 118.  Come vedete dal REFA metà importo per l’acquisto della nuova ambulanza è già stato saldato e nel 2019 si coprirà il saldo. Però rinnoviamo l ‘appello per un contributo particolare proprio per questo scopo.

segui il link per il REFA 2018

Share

Potrebbero interessarti anche...