Category Archives: In evidenza

Diventa Volontario anche tu

Essere Volontario.

Oggi più che mai in una Società sempre più difficile, oltre 6milioni di persone in Italia fanno Volontariato.

Tante associazioni no-profit che tramite i loro Statuti si propongono servizi sociali alla persona, dedicandosi anche all’emergenza con ambulanza e salvaguardando il nostro Ambiente dagli incendi. Un impegno costante di tanti volontari, con prospettive anche di Protezione Civile alla popolazione in caso di calamità e di episodi gravi.

Tutto questo se ne occupa anche la Associazione Volontari Pubblica Assistenza Porto Azzurro all’Isola d’Elba, da oramai 32 anni e ogni anno in questo periodo apre la sua Campagna per iscrizione di nuovi volontari da inserire nell’attività associativa. 

Per il cittadino che si iscrive alla associazione è tutto gratuito e in più riceve informazioni e nozioni varie importanti che le saranno utili per tutta la Vita. Una “Scuola di Vita” a cui partecipano tanti “veri” giovani a differenza di quanto si vede in TV o su facebook, questo perchè soprattutto i giovani, ricevono come volontari una cultura per dare incondizionamente ( l’attività di volontariato non è retribuita) spesso ricevendo solo un sorriso e un grazie…ma quello è GRANDE!

Se hai dai 14 anni in poi puoi iscriverti gratuitamente e partecipare alla attività che va dal settore giovanile, alle attività più responsabili, come il servizio Sociale, il servizio Ambulanza 118, la Protezione Civile e la Donazione del Sangue.

C’è tanto da fare,  e uno spazio importante lo troverai anche tu.  Informazioni tel. 0565-920202. 

Vai alla Scheda adesione

E' arrivato il tuo momento…Diventa Volontario della Pubblica Assistenza Porto Azzurro tel. 0565-920202 www.portoazzurrosoccorso.it ..

Pubblicato da Pubblica Assistenza Porto Azzurro su Domenica 27 agosto 2017

Servizio Civile alla Pubblica Assistenza Porto Azzurro

servizio civile alla Pubblica Assistenza Porto Azzurro

Uscito il Bando per il Servizio Civile Nazionale tra cui la nostra Pubblica Assistenza Porto Azzurro con due posti disponibili.

E’ stato pubblicato il bando nazionale per la selezione di 47.529 giovani. Per le pubbliche assistenze in Toscana ci sono 644 posti disponibili in 126 sedi. Nel bando sono stati finanziati 19 progetti delle nostre associazioni. Ragazzi e ragazze possono presentare domanda entro le ore 14 del 26 giugno 2017.

Potranno presentare domanda i giovani (italiani, europei, che hanno compiuto il diciottesimo e non superato il ventinovesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda. Il bando sul sito del servizio civile nazionale.

I volontari ricevono per 12 mesi ( inserimento probabilmente OttobreNovembre) una cifra di 433,00 Euro per 30 ore settimanali concordate con l’Associazione.

Possono fare domanda
-i giovani (senza distinzione di sesso) che abbiano compiuto diciotto anni e non superato i ventotto (28 anni e 364 giorni) al momento della presentazione della domanda e che siano in possesso dei seguenti requisiti: essere cittadino italiano, essere cittadini dell’Unione europea, essere cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti
Non possono fare domanda:
– chi non ha ancora compiuto 18 anni o ha già compiuto i 29 (al momento della presentazione della domanda)
– chi appartiene ai corpi militari o alle forze di polizia
– chi ha già prestato servizio civile nazionale o lo abbia interrotto prima della scadenza o lo stiano prestando ai sensi della legga 64 del 2001 ovvero per l’attuazione del Programma europeo Garanzia Giovani
– chi ha riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per delitti indicati nel bando/domanda
– chi abbia in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, ovvero che abbiano avuto tali rapporti nell’anno precedente di durata superiore a tre mesi.

Per maggiori informazioni per il Servizio Civile Nazionale presso la Pubblica Assistenza Porto Azzurro telefonare allo 0565-920202 Giovanni Aragona o Nicol Realini Uggeri.

All’ Elba si dona il sangue con le Pubbliche Assistenze

Donatori Sangue ANPAS Pubblica Assistenza Porto Azzurro

Con le Pubbliche Assistenze Anpas dell’Isola d’Elba si dona il Sangue.

Non solo con Avis (Associazione Volontari Italiani donatori Sangue), con i gruppi donatori della Fratres ma nella nostra isola si può donare il plasma anche con le Pubbliche Assistenze elbane che aderiscono al progetto ANPAS (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze), tramite il Centro Trasfusionale dell’Ospedale elbano di Portoferraio.

La proposta è stata presentata dalla Commissione donazione Sangue dell’ ANPAS Regionale Toscana coordinata da Patrizio Ugolini nella quale si è prospettato un maggior impegno sulla donazione del Sangue e plasmaferesi in tutta la Regione Toscana al fine di coprire le lacune di eventuali insufficenze di disponibilità del prezioso liquido, dove i donatori delle varie associazioni sono i primi che offrono e garantiscono il fabbisogno per ogni evenienza, dalla semplice operazione chirurgica, dalle trasfusione per malattie del sangue fino alle emergenze vere e proprie.

La questione donazione del sangue con ANPAS è stata presa in carico da Giovanni Aragona, Presidente della Pubblica Assistenza Porto Azzurro, membro della stessa “Commissione Regionale Dono del Sangue” e la proposta portata a conoscenza al Coordinamento delle Pubbliche Assistenze dell’Isola d’Elba dove si incontrano tutte le associazioni ANPAS coordinate da Paolo Magagnini.

La proposta secondo Aragona della Pubblica Assistenza Porto Azzurro, potrebbe dare un notevole slancio alla donazione del sangue, vista la presenza in ogni Comune di una Pubblica Assistenza, già impegnate nei vari servizi di ambulanza, di Protezione Civile e nel sociale.  Si tratterà ora di vedere quale Pubblica Assistenza aderirà al Progetto Donazione del Sangue ANPAS all’Isola d’Elba e ampliare la organizzazione, tramite apposita Convenzione con la ASl Toscana Nord Ovest.

All’Isola d’Elba esistono già Gruppi di donatori sangue ANPAS, come quello della Pubblica Assistenza Porto Azzurro, oramai consolidato da 25 anni (1992) e quello della Pubblica Assistenza Capoliveri. Presto verrà attivato anche quello della Pubblica Assistenza di Rio Marina.

Un impegno notevole della organizzazione regionale ed elbana dell’ANPAS che si promuoverà in iniziative pubbliche e sui social per far conoscere, riflettere e promuovere al meglio la donazione del Sangue.

Corso Volontari della Protezione Civile

Volontari Protezione Civile Pubblica Assistenza Porto Azzurro

Si è svolto Sabato 8 e Domenica 9 Aprile il 2° Corso per Volontari per la Protezione Civile per la partecipazione alla Colonna mobile Regionale Toscana e Nazionale.

In questo Corso hanno partecipato anche otto nostri giovani volontari che hanno frequentato le lezioni con interesse e arrivando al risultato finale.

Il Corso richiesto dal Coordinamento ANPAS dell’Elba ha voluto “brevettare” circa quaranta volontari di tutte le associazioni dell’Isola d’Elba sollecitando una unica organizzazione elbana pronta per ogni evenienza sia locale, Regionale e Nazionale in collaborazione con l’ Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze.

Il Corso  è stato illustrato con buone tecniche di Formazione da Salvino Gangi e Fabrizio Paoletti dell’ANPAS-Protezione Civile riuscendo a far comprendere ai volontari le dovute riflessioni sul sistema di emergenza in Italia. Statistiche e spiegazione sui principali eventi di allarme succeduti nel tempo che hanno fatto capire l’importanza del settore della Protezione Civile dalla prevenzione, dall’intervento e dal dopo-emergenza.  Si è parlato anche di Piani Comunali, Provinciali e Regionali di Protezione Civile dove è stato evidenziato (anche per noi all’Isola d’Elba) che molti Comuni non hanno ancora una struttura ufficializzata e relativa organizzazione PROCIV a salvaguardia della popolazione.

I volontari sono stati partecipi della realizzazione di una emergenza con le varie procedure previste per legge sia per l’associazione di loro competenza e il disbrigo delle pratiche dal momento dell’allarme dal codice BIANCO, AL VERDE, ARANCIO e ROSSO per la partenza sulla zona colpita.

Ottimo il rapporto con i Formatori ANPAS Salvino e Fabrizio che hanno coinvolto i corsisti alle varie pratiche di autodisclipina e relativa responsabilità sull’emergenza partecipando a veri set pratici per approfondire l’unità di Gruppo operativo.

Sotto la visione di Giampaolo Paoletti Referente della Zona ANPAS dell’Elba del settore e la presenza del nostro presidente Giovanni Aragona, la Pubblica Assistenza Porto Azzurro ha il suo 1° Gruppo di volontari PROCIV con Marco Galletti, Mirko Forti, Federico Tessieri, Maura Rocco, Jacopo Fanetti, Gianmarco Marsilio e Nicholas Aragona.

 

Ambulanze all’Elba, un servizio da rivedere

Ambulanza pubblica assistenza porto azzurro PA8 isola d elba

Il Servizio ambulanza all’Isola d’Elba va rivisto, riorganizzato e finanziato.

Si continua con i tagli alla Sanità al nostro Ospedale che coinvolgono strutture di reparto, con meno esami e personale ridotto al minimo. Si indirizza i pazienti ad andare fuori Elba per terapie o ricoveri vari con notevoli sacrifici e spese per i familiari che accompagnano il loro malato e aumentano quindi anche i trasporti con ambulanza che non vengono più rimborsati dal servizio sanitario regionale.

Desidero mettere anche in evidenza un servizio di cui nessuno parla, ma è altrettanto importante e indispensabile per tutti noi elbani, cioè il trasporto ordinario del malato con ambulanza e dell’infortunato in emergenza 118 che da ogni paese dell’Isola d’Elba viene gestito e diretto verso l’ospedale elbano o fuori dall’Isola d’Elba. Per fare questo ci sono fortunatamente 15 Associazioni di volontariato (Pubbliche Assistenze, Misericordie e Croce Rossa) che durante il giorno e la notte si attivano in base alle loro disponibilità di volontari per garantire questo servizio indispensabile per residenti e migliaia di turisti durante la stagione estiva.
Se chiedessi agli elbani e… anche ai Sindaci …“vi siete mai chiesti come “vanno avanti” queste associazioni di volontariato; chi è che garantisce l’ acquisto delle ambulanze, le attrezzature, il personale “vestito” a norma di Legge, chi copre le spese di fornitura e gestione dei presidi sanitari per essere sempre in regola… ” Sono sicuro che la maggior parte di Voi risponderebbe, “…ma come, non siete sostenuti dal Comune? dallo Stato, dalla Regione, dalla Asl ? …”
Personalmente posso dire che dopo 32 anni di Presidenza della Pubblica Assistenza Porto Azzurro, il servizio ambulanza è cambiato molto da quando è entrato il 118 all’Elba (1997). Da un semplice impegno di volontari di allora che in caso di necessità ci si ritrovava …”alla buona” per trasportare il paziente; oggi è richiesta dal sistema 118 (giustamente), la disponibilità immediata di soccorritori con una preparazione formativa accertata, con notevoli responsabilità personali e associative che aumentano di giorno in giorno oltre ad evidenti spese economiche a carico delle stesse associazioni.
Abbiamo 12 o 24 ore di servizio 118 da “coprire” moralmente nei confronti del nostro paese, anche se non obbligati in quanto il nostro impegno è volontario in base alla legge 266/91 ma è tuttoggi senza una convenzione specifica, senza alcun contributo di stand-By di disponibilità. Esiste il solo rimborso per l’ eventuale servizio effettuato che si basa però su tariffe regionali del 2008 e mai aggiornate e un “grosso” contributo di spesa che corrisponde a 0,35 centesimi di Euro l’ora ( si, avete letto bene, 0,35 centesimi orari). Quanti aumenti in tutti i settori si sono registrati da quegli anni e quindi sopportati solo dalle nostre associazioni?
Visto che è in fase di rivalutazione e organizzazione del servizio sanitario di emergenza da parte della nuova Azienda Usl Toscana Nord Ovest di cui l’Elba fa parte, è opportuno sollecitare quanto prima una discussione e un accordo per una nuova organizzazione del trasporto sanitario con ambulanza all’Isola d’Elba, che tenga conto del territorio, delle sue difficoltà, delle possibilità operative delle associazioni in base alle necessità che la stessa Usl richiede e sia stipulata una apposita Convenzione nel rispetto e riconoscimento di tutte le associazioni elbane inserite nel sistema di trasporto socio-sanitario in base alla legge Regionale n° 70 del 2010.
Occorre che tale situazione sia a conoscenza dell’opinione pubblica e anche dei Sindaci (primi responsabili della sanità e Sicurezza dei propri cittadini) affinché siano intraprese le dovute azioni per conoscere e discutere le varie problematiche delle associazioni sul servizio ambulanza ordinario e 118 all’Isola d’Elba; che la Conferenza dei Sindaci stia vicina quindi anche alle nostre associazioni, con fatti concreti, che riconosca il nostro operato, collaborando per superare i problemi, sostenere e valorizzare il servizio di trasporto sanitario con ambulanza e sociale attrezzato, prima che il servizio “arrivi al collasso organizzativo” ed essere “sospeso” conseguenzialmente in determinati orari della giornata a danno purtroppo della popolazione e dei turisti della nostra Isola d’Elba.

Giovanni Aragona Pubblica Assistenza Porto Azzurro