Tag Archives: antincendio

Nuovi operatori AIB all’Isola d’Elba

Corso aib isola d'elba Pubblica assistenza porto azzurro1

Si sono conclusi i 2 Corsi Base AIB del C.V.T. All’Isola d’ Elba
Tanti giovani in difesa del Patrimonio naturale della nostra isola.

La lotta contro gli incendi boschivi all’isola d’Elba avrà nuovi operatori attestati di livello Base divisi nelle varie associazioni dell’Isola. I Corsi si sono svolti nell’Isola nel mese di Aprile e Maggio. Sono stati organizzati dal C.V.T (Coordinamento Volontari Toscani), l’organismo che riunisce le varie associazioni di volontariato che si occupano di prevenzione e lotta contro gli incendi boschivi in Toscana. Del C.V.T. ne fanno parte associazioni come le Pubbliche Assistenze, le Misericordie, la Racchetta, la Vab ecc.. altre associazioni locali di competenza territoriale in varie zone della Regione. I due Corsi base AIB all’Elba sono stati diretti da Giampaolo Paoletti Formatore AIB Regionale del C.V.T. Complessivamente 36 ore di lezioni di teoria in aula per conoscere oltre ai vari regolamenti operativi e le figure di coordinamento in caso di incendio boschivo, oltre alle esercitazioni pratiche con i mezzi mobili e l’uso di attrezzi manuali, oltre all’esame finale che ha “diplomato” i 32 nuovi Operatori Base per l’ antincendio boschivo all’Isola d’Elba.
Corso aib isola d'elba Pubblica assistenza porto azzurro2Adesso i nuovi “salvaboschi” volontari potranno intervenire sugli incendi con le loro rispettive associazioni, per un anno, affiancati dagli Operatori AIB Regionali, dopodiché potranno effettuare il Corso ufficiale di Operatore AIB Regionale presso la Scuola Antincendio boschivo della Regione Toscana a La Pineta di Tocchi in provincia di Siena.
Questi i nuovi Operatori AIB dell’Isola d’Elba: Gianluca Congedo, Gianfranco Natter, Alessio Parrini, Davide Danesi, Nausica Tegas, Alessio Taddei, Alessio del Vito, Maurizio Regine, Maura Rocco, Angelo Reale, Daniela Rocco, Matteo Pintus, Giacomo Reale, Gavino Pintus, Andrea Luzzetti, Stefano Luzzetti, Asalomei Laura, Alessandro Ciucciarelli, Emma Feole, Gabriella Arustei, Giovanni Aragona, Luca Mariani, Sabina Calvaccio, Luca Tovoli, Vadim Mititelu, Moreno Cignoni, Gianmarco Romeo, Tommaso Ferrini, Valentina Barghini, Patrizia Pagnini, Davide Bulgarelli, Manuela Puliafito.

Giovanni Aragona per AIB E PC ANPAS Isola d’ ELBA

Nuova sede per la pubblica assistenza?

17/05/2003 – La Pubblica Assistenza Porto Azzurro, una delle organizzazioni di volontariato più attive dell’Isola d’Elba, si sta organizzando per il futuro. L’ultima assemblea dell’associazione ha infatti evidenziato la necessità di programmare quanto prima una nuova sede sociale dove attività e spazi siano sufficienti e utili per i progetti in svolgimento.

Attualmente la sede di Piazza Eroi della Resistenza (di soli 40 metri anche se ben organizzata), non ce la fa più ad ospitare tutte le attività operative e ricreative della associazione. Il nuovo progetto prevede una ubicazione fuori Porto Azzurro ma, nello stesso tempo, non troppo lontano in quanto la sede deve essere un punto di riferimento per tutti i cittadini.

La nuova sede dovrà avere una centrale operativa per l’assistenza e il soccorso, una sala riunioni, uffici, un ambulatorio di primo soccorso polivalente, camere per i volontari, un bar spaccio sociale, uno spazio per il Centro giovani, sala Tv, cucina comune, magazzino di Protezione Civile e garage per i mezzi di soccorso.

Il progetto è stato presentato dal presidente della Pubblica Assistenza Porto Azzurro, Giovanni Aragona, al Sindaco di Porto Azzurro Maurizio Papi che valuterà in questi giorni l’eventuale sito per la costruzione della nuova sede.

Aragona, nel colloquio con il sindaco Papi, ha evidenziato l’importanza di questo progetto per l’attività sociale e sanitaria futura del paese e per l’aggregazione culturale di giovani e adulti. Un progetto già presentato dallo stesso Aragona dal lontano 1987 alle varie amministrazioni comunali che però è rimasto sempre nel cassetto.

Grazie alla nuova sede operativa, si permetterà il proseguimento dell’attività e verranno potenziate le varie iniziative socio sanitarie, anche in collaborazione con le altre associazioni del settore.

Riparte il servizio antincendio

11/08/2001 Una Campagna di sensibilizzazione al problema degli incendi boschivi all’Elba, l’adesione al Gruppo di Protezione Civile Anpas Isola d’Elba, l’attivazione della Centrale Operativa 24 ore su 24 per il servizio di ascolto e coordinamento antincendio boschivo per il versante orientale dell’Isola, sono le prime iniziative della Pubblica Assistenza Protezione Civile Porto Azzurro che avvia alla riorganizzazione di quello che era per l’associazione porto azzurrina il settore di attività principale degli anni 80, quando                            il Gruppo allora denominato “Squadra Volontari Protezione Civile Porto Azzurro” era tra i più attivi dell’Isola d’Elba, ricevendo l’encomio per l’opera prestata dal responsabile del Ministero della Protezione Civile Nazionale e dai vari responsabili del Corpo Forestale Statale Regionale.

L’esperienza acquisita nel tempo potrebbe riconquistare la volontà di una completa riorganizzazione del settore di Protezione Civile…commenta il Presidente Giovanni Aragona, anche se le Leggi sono cambiate con numerose clausole in base alla legge 626, alla formazione del personale che deve essere preparato con appositi corsi, visite mediche e attrezzatura specifica.   Organizzare una Squadra di Protezione Civile, in particolare di antincendio boschivo occorre una somma di circa 1 milione e trecentomila a persona in attrezzatura omologata a Legge e mezzi  antincendio ben definiti.

“…Oggi non possiamo continuare a spegnere incendi solo con le “frasche” come abbiamo fatto negli anni passati…”                                 Per questo l’associazione porto azzurrina per il settore antincendio ha sempre sollecitato le amministrazioni comunali passate, responsabilizzandole per il loro dovere di Legge per organizzare una Squadra antincendio comunale.

Solo oggi, con l’amministrazione comunale del Sindaco Carmignani si è parlato di antincendio, anche se le finanze del Comune e i contributi regionali 2001 non permettono una “buona” organizzazione, ma almeno si può iniziare e migliorare nel tempo.

La Pubblica Assistenza Protezione Civile Porto Azzurro aderisce alla ” Protezione Civile Anpas dell’Isola d’Elba “, un coordinamento operativo fra le varie pubbliche assistenze dell’Elba che, anche se in fase sperimentale potrebbe in futuro svolgere un ruolo importante per l’Isola, per la disponibilità del                personale già qualificato, i mezzi mobili di proprietà, le realtà esterne attivabili per ogni maxi emergenza all’Elba.

Mentre l’associazione di volontariato porto azzurrina è impegnata 24 ore su 24 per il servizio ambulanza ordinario e di emergenza con medico a bordo, i suoi volontari hanno attivato la centrale operativa di allarme 24 ore su 24 collegata con il Corpo Forestale Statale e la Comunità Montana per un controllo sul territorio di Porto Azzurro e del versante orientale, utilizzando anche il sistema ponte radio Anpas che può collegare tutti i mezzi di soccorso e AIB delle Pubbliche Assistenze elbane.

Promossa proprio in questi giorni una Campagna di sensibilizzazione contro gli incendi boschivi realizzata con oltre tremila volantini, lettere mirate a famiglie residenti in aperta campagna e tramite Internet ai numerosi computer dell’Elba, tramite Mailing List mirate ad operatori economici e privati.

La pubblica Assistenza Protezione Civile Porto Azzurro invita a tutti gli elbani di collaborare con i volontari e le Forze dell’ordine per una tempestiva segnalazione, indispensabile per un immediato intervento di repressione del fuoco, che ogni anno danneggia il nostro Patrimonio boschivo e paesaggistico, caratteristica fondamentale da salvaguardare per noi, il nostro turismo, il nostro futuro.