Tag Archives: pet

Potenziare il 118

01/06/2003 – Questa associazione, in prossimità della stagione estiva e con l’intensificarsi della attività di emergenza e urgenza con ambulanze e con l’inizio del servizio 118 nei PET periferici dell’Isola, vuole mettere, ancora una volta in evidenza ( lo abbiamo fatto anche nei precedenti anni) la assoluta inesistenza della Rete Radio 118 che collega le ambulanze delle associazioni con la Centrale Operativa 118 di Livorno Soccorso.
E’ oramai consolidato che la nostra attività di emergenza 118 deve svolgersi, soprattutto dal momento dell’inizio dell’intervento, in stretto contatto con gli operatori del 118 di Livorno, con le ambulanze di altre associazioni eventualmente in appoggio con il medico a bordo, con il Pronto Soccorso dell’Ospedale e con la possibilità di richiedere subito l’intervento di altre Forze Pubbliche, come i Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri, ecc.
Questa associazione aveva sollevato il problema alla Asl locale e al Dr. Genovesi, responsabile della Centrale Operativa 118 di Livorno già due anni fa, lasciandoci intendere che si sarebbe fatto il possibile per rimediare la situazione all’Isola d’Elba, nella quale i collegamenti radio sono indispensabili per un buon funzionamento e coordinamento degli interventi di soccorso.
All’Isola d’Elba, proprio per la sua struttura territoriale e in relazione, ad avere per 9 mesi all’anno, un solo medico di emergenza sulle ambulanze di Portoferraio, funziona il cosiddetto Rendez – Vous, che permette di avvicinare il paziente grave, prelevato da una ambulanza periferica, verso l’Ospedale e incontrando sul suo tragitto l’ambulanza con il medico di emergenza che presterà le prime cure.
Facciamo richiesta alla Centrale Operativa 118, di poter autorizzare (oltre ai punti fissi già di riferimento) il rendez-vous a vista, in quanto più volte la nostra ambulanza è stata costretta ad attendere 5/10 minuti nei luoghi fissati , il mezzo di emergenza con il medico, con l’incomprensione e…la rabbia dei familiari che giustamente non riconoscono, emotivamente, questa “tecnica” di “appuntamento”.
Per una migliore comprensione del rendez-vous ci sembra giusto che debba essere l’ambulanza medicalizzata ad attendere quella periferica con il paziente grave, e non il contrario….
Il Rendez-Vous è inevitabile e importante nella nostra Isola in queste condizioni, ma è possibile migliorarlo, perfezionarlo con un collegamento radio diretto e funzionante con la Centrale Operativa 118 di Livorno e fra le stesse ambulanze impegnate nel servizio.
La Pubblica Assistenza Porto Azzurro, invita la Dr. Daniela Laudano a voler sollecitare i responsabili 118 della Usl 06 Livorno e Isola d’Elba ad un ripristino dei collegamenti radio di emergenza e cosi far funzionare le radio che da tre anni sono sulle nostre ambulanze senza poterle usare.

Servizio medico 118

16/06/2002 – PORTO AZZURRO. È iniziato il servizio di 118 con medico a bordo delle ambulanza che continuerà fino al 15 settembre. Anche quest’anno nel versante occidentale il servizio sarà garantito dalla Pubblica assistenza di Campo nell’Elba che servirà tutta la zona di Campo e del marcianese con eventuale rendez-vous, per i casi più gravi e lontani, con le ambulanze dei paesi vicini (Misericordia di Pomonte, Croce Rossa di Campo e Pubblica Assistenza di Marciana Marina al fine di “avvicinare” il medico il più presto possibile all’emergenza. Nel versante orientale il servizio viene garantito dalla Pubblica assistenza Porto Azzurro e quella di Capoliveri, anche queste a settimane alterne per 12 ore diurne con eventuali rendez – vous con le ambulanze di Rio nell’Elba, Rio Marina e Cavo, al fine di coprire in pochi minuti tutto il versante orientale dell’isola d’Elba. La pubblica assistenza Porto Azzurro da lunedì inizierà il servizio 118 con medico a bordo. Indispensabile l’attivazione del progetto «Estate Sicura» che prevede l’accoglienza di volontari soccorritori delle altre pubbliche assistenze del Continente, quest’anno in minor presenza, ma più qualificati individuando fra gli arrivi, soccorritori e infermieri del 118 di Bologna, da Siena, Prato e Livorno. Un impegno notevole anche per quest’anno reso possibile e completo dalla nuova ambulanza per la rianimazione mobile “Porto Azzurro 8” super attrezzata ad ogni emergenza sul territorio. E’ anche vero, che l’associazione porto azzurrina sta lavorando anche a nuovi progetti (di cui c’è il massimo riserbo) e solo nei prossimi mesi si potranno conoscere le novità proposte. Nel frattempo tutti pronti per dare ai residenti e al turista ospite dell’Isola d’Elba, la migliore assistenza sanitaria e sicurezza nelle vacanze.

Parte il PET emergenza

PORTO AZZURRO.16/06/2001. Parte oggi il servizio di emergenza con ambulanze 118 e medico a bordo nel versante occidentale dell’isola, con un punto territoriale organizzato dalla Pubblica assistenza di Campo nell’Elba e, nel versante orientale, con due postazioni garantite dalle Pubbliche assistenze di Porto Azzurro e di Capoliveri. Con queste integrazioni (oltre al punto di emergenza 24 ore su 24, a Portoferraio) l’emergenza dell’Elba è pronta ad affrontare la stagione estiva, grazie alle organizzazioni di volontariato che mettono a disposizione i loro volontari per garantire il servizio.
La Pubblica assistenza di Campo gestirà il servizio, tutti i giorni dalle 8 alle 20, metre, con lo stesso orario, ma a giorni alterni, le Pubbliche assistenze di Porto Azzurro e di Capoliveri offriranno il servizio per il versante orientale.
La Pubblica assistenza di Porto Azzurro ha avviato il progetto «Estate sicura», che prevede la collaborazione di soccorritori provenienti dalle altre Pubbliche assistenze della Toscana, a garanzia dei servizi di emergenze gravi, numerose nel periodo estivo. Quest’anno l’associazione portoazzurrina ha scelto di diminuire il numero di soccoritori esterni, per dare spazio ai volontari locali e preferendo una maggiore qualificazione del servizio, inserendo nel proprio organico soccorritori e infermieri volontari, che affiancheranno il medico 118 messo a disposizione dalla Asl dell’isola.
Attivo il nuovo sito Internet dell’associazione: www.portoazzurro.it, che oltre a illustrare l’attività svolta dall’associazione, presenta, aggiornate in tempo reale, le iniziative in programma. «È un nuovo modo di qualificare il servizio verso i cittadini – commenta Giovanni Aragona, presidente della Pubblica assistenza di Porto Azzurro – un esempio pratico nei confronti dei nostri soccorritori che sono motivati a esprimere i meglio di loro stessi, consapevoli di contribuire per salvare vite umane. Un’immagine, ma soprattutto una realtà organizzativa del nostro volontariato che deve essere sempre più riconosciuta e sostenuta dall’opinione pubblica, autorità ed Enti».